IL LABIRINTO DEL RE

…Quando entrò nella grande cucina i suoi genitori stavano parlando con il nuovo arrivato seduti attorno alla grande tavola. Cadmael si avvicinò  sedendosi al suo posto per ascoltare i loro discorsi. Luchmon stava raccontando di tutti i paesi che aveva visitato e della gente che aveva conosciuto. La sua voce era chiara e profonda ed era piacevolissimo ascoltarlo. Ad un certo punto dalla finestra la luce del giorno scomparve e la cucina divenne buia…
 


…“Mi dici cosa dovrei fare di preciso per…” non riuscì a terminare il discorso che improvvisamente il cavallo bianco si lanciò al galoppo obbligandolo, per non cadere, ad aggrapparsi al mantello del misterioso Re. Cadmael ebbe un brivido alla schiena: le sue mani sentirono un freddo glaciale al contatto di quel corpo.
Dopo un attimo di smarrimento si accorse con stupore che al cavallo erano comparse due grandi ali piumate e stavano volando, sfrecciando in aria!…



…Cadmael. In quel momento inciampò in una grande pietra tra le rocce e cadde rotolando sul selciato. Quando si rialzò vide che si trovava all’interno di un corridoio, o così gli sembrava. Si guardò intorno ma di Re Lars Porsenna non c’era traccia. Di fianco a lui Dory illuminava il sotterraneo
“Dory! Dove è andato il Re? Siamo rimasti soli? Ma dove siamo? – disse guardandosi intorno – vuoi vedere che siamo finiti all’interno del labirinto? ”